L’industria alberghiera e della ristorazione

L’industria alberghiera e della ristorazione

Il CCNL garantisce buone condizioni di lavoro

Un buon contratto collettivo nazionale di lavoro nazionale (CCNL) non cade dal cielo. Senza un sindacato oggi non ci sarebbe un CCNL per l’industria alberghiera e della ristorazione e quindi niente salari minimi, né tredicesima mensilità per tutti. Il sindacato Unia lotta per un CCNL autorevole efficace e vuole continuare a migliorarlo insieme al personale.

Nuovo CCNL 2017 grazie a Unia

Grazie all’impegno di Unia e dei suoi affiliati un nuovo CCNL 2017-2020 è stato concluso. Il CCNL salvaguarda le conquiste del passato (salari minimi, 13ma mensilità, 5 settimane di vacanza, registrazione del tempo di lavoro) e apporta ulteriori miglioramenti per i lavoratori e le lavoratrici.

Unia fa la differenza

Unia è il sindacato per l’industria alberghiera e della ristorazione. Con circa 14'000 iscritti è ben radicato nel ramo professionale e cresce di continuo. Unia ha ottenuto molti miglioramenti. Come affiliato ad Unia sei beneficiariobenefici anche di svariate prestazioni, come ad esempio la consulenza e la tutela giuridica e le offerte di perfezionamento professionale.

Per l’applicazione l’esecuzione del CCNL vengono detratti ogni anno direttamente dal salario 89 franchi a tutti i dipendenti del ramo. Se sei iscritto ad Unia ricevi un rimborso fino a 96 franchi all’anno.    
Aderisci anche tu ad Unia ed aiutaci a migliorare ulteriormente le condizioni di lavoro.

I dipendenti sono la carta vincente

Un’analisi differenziata di Unia mostra indica che l’industria alberghiera e della ristorazione deve puntare su una strategia di sviluppo durevole sviluppo della qualità, per risolvere i problemi strutturali del ramo, e il personale è l’asso nella manica sono i lavoratori. Dipendenti esperti e con un’ottima formazione alle spalle rimangono nel ramo se le condizioni di lavoro offrono un’esistenza sicura e prospettive di crescita.