Commercio al dettaglio

Il più forte sindacato nel settore del commercio al dettaglio

Unia, con i suoi circa 14’000 iscritti, è sindacato più importante nel settore del commercio al dettaglio. Nella sua veste di partner contrattuale del contratto collettivo di lavoro Coop – ma anche di tutti i locali contratti collettivi di categoria in essere di obbligatorietà generale – Unia si adopera per ottenere migliori condizioni di lavoro.

Partecipazione e forte presenza nelle aziende

Unia con circa 14'000 affiliati è la più grande forza sindacale nel commercio al dettaglio ed è ben radicata presso i lavoratori, nelle aziende. Presenti in vari organi, gli iscritti di Unia del commercio al dettaglio, ne determinano la strategia e gli obiettivi sindacali.

Salari migliori per donne e uomini

Nel commercio al dettaglio le donne percepiscono salari inferiori rispetto ai loro colleghi maschi, anche se svolgono lavori simili, nonostante le leggi e la Costituzione stabiliscano il diritto ad un salario uguale per un lavoro uguale o equivalente. Unia assiste i propri iscritti nelle controversie per la parità salariale e richiede migliori salari per tutti in generale.

Un lavoro sano e pianificabile

Giornate di lavoro lunghe, lavoro serale sempre più frequente e raramente un sabato libero – questa è la realtà quotidiana nel settore delle vendite. Inoltre, si lavora spesso in locali privi di luce naturale. Tali condizioni di lavoro fanno ammalare. Il sindacato Unia le contesta ed esige un lavoro sano e pianificabile.

Una buona formazione ed un buon perfezionamento professionale

Il lavoro nel commercio al dettaglio è duro, pertanto necessita di maggiori riconoscimenti e migliori prospettive. La formazione ed il perfezionamento sono la chiave per svolgere un buon lavoro. Il commercio al dettaglio, ramo in cui viene formato il maggior numero di apprendisti, ha tutto l’interesse a garantire una buona formazione professionale. Unia si adopera per maggiori investimenti nella formazione.