Baracche, xenofobia e bambini clandestini

La storia non deve ripetersi.

Baracche, xenofobia e bambini clandestini: è il titolo del convegno, ma anche dell’esposizione, che Unia organizza il 7 novembre prossimo a Berna. Vuole così sottolineare l’opposizione del sindacato ai progetti della destra di voler di nuovo introdurre lo statuto dello stagionale in Svizzera.

Dopo l’approvazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa, si parla di reintrodurre i contingenti e quindi anche lo statuto dello stagionale. Era questo in passato il permesso con il quale erano ammessi a lavorare in Svizzera molti migranti della prima generazione. Vivevano in baracche, non potevano portare la famiglia e nemmeno cambiare datore di lavoro. Il convegno darà voce ai diretti interessati e in particolare ad ex stagionali e a chi ha vissuto l’infanzia come bambino clandestino.

Le conseguenze sui salari

Durante il convegno esperti ed esponenti sindacali discuteranno sulle conseguenze per salariati e mercato del lavoro della reintroduzione dei contingenti, ma anche della votazione in programma il 30 novembre prossimo sull’iniziativa Ecopop (vedi intervista sopra), che avanza richieste ancora più radicali in materia di migrazione. Con lo sguardo rivolto al futuro, saranno poi esaminate le prospettive per una politica migratoria equa, che costituisca anche un’opportunità per la piazza produttiva svizzera.
Parallelamente al convegno, sarà inaugurata un’esposizione ricca di testimonianze fotografiche, allestita in una baracca sul modello di allora: illustrerà il carattere disumano di questo statuto di apartheid.

La storia non deve ripetersi

“L’obiettivo della nostra esposizione itinerante è di sensibilizzare l’opinione pubblica sugli errori del passato. La storia non deve ripetersi”, afferma la copresidente di Unia Vania Alleva. In particolare, il sindacato vuole influenzare le discussioni sui rapporti con l’Europa e fare in modo che la protezione dei salari diventi di nuovo prioritaria. “Unia vuole lanciare un segnale forte per più solidarietà, uguaglianza, giustizia sociale e dignità”, conclude Alleva.

Luogo e data del convegno: Berna, 7 Novembre 2014
Quando: dalle 9.30 alle 13.00, Fondazione Progr, Waisenhausplatz 30
Vernissage della mostra: ore 14.00, baracca degli stagionali, Waisenhausplatz (Berna)