Giovani di Unia: assegnato premio della vergogna

I giovani di Unia hanno consegnato il loro annuale «Premio della vergogna». Quest’anno è stato assegnato alla Conferenza svizzera degli uffici di formazione professionale (CSUFP).

Simbolicamente i giovani hanno rimesso a Mark Gasche, il segretario generale della conferenza, un tappettino con su scritto «Non siamo degli zerbini! Gli apprendisti vogliono rispetto». Da un’inchiesta di Unia è emerso che la maggior parte dei giovani in formazione deve effettuare ore straordinarie illegali, lavorare durante il fine settimana e svolgere compiti che non dovrebbe fare. Controllare tutto questo spetta alla CSUFP che è stata invitare a far rispettare la legge.