Intesa raggiunta - gli organi delle parti si esprimono in dicembre

Zurigo, 3 dicembre: al termine di dure e lunghe trattative, la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC) e i sindacati Unia e Syna hanno raggiunto un’intesa sul rinnovo del Contratto nazionale mantello (CNM) per l’edilizia principale, il finanziamento del pensionamento anticipato a 60 anni e gli aumenti salariali per i prossimi due anni. Nel mese di dicembre le assemblee dei delegati delle organizzazioni interessate si esprimeranno in via definitiva sul risultato negoziale.

Oggi le delegazioni dei sindacati Unia e Syna e della SSIC hanno raggiunto un’intesa sul rinnovo del CNM e il finanziamento del pensionamento anticipato a 60 anni.

CNM siglato per 4 anni

La soluzione recepisce le misure già negoziate nel corso dell’autunno per risanare la Fondazione FAR, che garantisce il pensionamento a 60 anni. Il CNM verrebbe concluso per 4 anni con determinati miglioramenti per entrambe le parti. Il risultato negoziale prevede anche aumenti generali dei salari effettivi e dei salari minimi pari a 80 franchi sia per il 2019 che per il 2020.

La decisione definitiva attesa in dicembre

Adesso il risultato negoziale verrà sottoposto agli organi competenti delle organizzazioni interessate, che si esprimeranno in via definitiva. Le Conferenze professionali dei sindacati Unia e Syna si terranno il 15 dicembre.

Il nuovo CNM dovrebbe entrare in vigore il 1° gennaio 2019.