Più femminismo nei sindacati

Un nuovo sciopero femminista è necessario!

Quasi un centinaio di donne di Unia hanno partecipato al Congresso delle donne dell’Unione Sindacale Svizzera (USS). Erano rumorose, colorate e combattive. E hanno rivendicato un sindacalismo femminista, la regolarizzazione dei sans-papiers e l'abbassamento dell'età pensionabile per tutti/e. Secondo il Congresso delle donne, un nuovo forte sciopero femminista è necessario in Svizzera per concretizzare le rivendicazioni delle donne nel 2019.

Adottando una carta "Per un sindacalismo femminista", le partecipanti al congresso hanno discusso le loro rivendicazioni presso i sindacati stessi. Il 30% di donne nei sindacati non è sufficiente. Per organizzare più donne, i sindacati devono adattarsi alle loro esigenze!

Un nuovo sciopero femminista è necessario

Le donne non ricevono i loro diritti come un dono, devono lottare per ottenerli. Nel 2019 ha avuto luogo la più grande mobilitazione sociale della storia svizzera. In innumerevoli città della Svizzera, più di mezzo milione di persone hanno partecipato a immense manifestazioni. Nonostante questo, il divario salariale tra uomini e donne è aumentato di nuovo al 19%. Il lavoro di cura, che la pandemia ha reso particolarmente visibile, non viene rivalorizzato. Anche le disuguaglianze, e con esse la precarietà e le discriminazioni, sono aumentate. Con un nuovo sciopero delle donne, le sindacaliste vogliono far passare le loro rivendicazioni per più tempo, più soldi e rispetto.

Regolarizzazione dei sans-papiers

Le donne di Unia si sono impegnate per la regolarizzazione dei sans-papiers, perché questa è l'unica risposta politica e collettiva per una vera giustizia sociale ed economica. Un'altra risoluzione rivendica più protezione per i/le delegati/e sindacali, poiché la Svizzera merita l'umiliazione internazionale di essere sulla lista nera dell'ILO per i diritti sindacali. Le donne vogliono anche la ratifica immediata e l'attuazione della Convenzione 190 dell'OIL contro le molestie sessuali e la violenza sessuale sul posto di lavoro, poiché questa convenzione è stata adottata il 19 giugno 2019.

Niente più smantellamento delle pensioni!

Inoltre, le donne sono insoddisfatte delle ondate di austerità provenienti da destra a cui sono sottoposte. Infatti, i partiti borghesi attaccano costantemente le pensioni delle donne. Oggi, le donne stanno ribaltando la situazione: non solo respingeranno questi attacchi, ma esigono addirittura una riduzione dell'età pensionabile per tutti/e.