AVS x13

Donna in abiti da lavoro (casco e giacca di sicurezza)

Iniziativa per una tredicesima mensilità

Chi ha lavorato tutta una vita merita una buona pensione. Eppure oggi le rendite AVS in Svizzera sono troppo basse. Ecco perché è necessario lanciare l’iniziativa per una 13esima mensilità AVS.

La Svizzera ha un problema con le pensioni. Ad oggi, la metà dei nuovi pensionati e delle nuove pensionate deve sbarcare il lunario con meno di 3600 franchi al mese.

Molte donne ricevono persino molto meno perché non hanno il secondo pilastro e devono vivere unicamente della rendita AVS. Allo stesso tempo, gli affitti e i premi delle casse malati aumentano, lasciando sempre meno per vivere.

Firma l’iniziativa ora!
 

AVS x13: Vivere meglio la pensione

L’iniziativa «Vivere meglio la pensione» (AVS x13) mira ad aumentare le rendite AVS dell’8,33%. Come molti lavoratori che hanno una tredicesima mensilità, anche le pensionate e i pensionati devono ricevere una 13esima mensilità AVS.

Espresso in rendite mensili significa: la rendita minima AVS passerebbe da 1185 a 1284 franchi (+99 CHF), mentre quella massima da 2370 a 2567 franchi (+197 CHF).

Delle buone pensioni sono necessarie…

L’emergenza coronavirus ci ha fatto capire l’importanza di infermieri, venditori, autisti e addetti alle pulizie. Eppure in tutte queste professioni, che registrano una forte presenza femminile, i salari sono bassi. Questa circostanza si riflette anche in rendite più basse al momento del pensionamento. Per queste persone è urgentemente necessario un miglioramento nell’AVS.

…e finanziabili

I sindacati propongono di servirsi degli utili della Banca nazionale per coprire i costi dell’iniziativa pari a 3,5 miliardi di franchi all’anno. A titolo di paragone: le riserve della Banca nazionale si attestano a oltre 800 miliardi di franchi. Il denaro è quindi più che sufficiente a garantire rendite dignitose per tutti. In ultima analisi, spetterà tuttavia al Parlamento decidere sulle modalità di finanziamento.

Un’AVS forte è d’aiuto nella crisi

Anche in tempi di recessione, un rafforzamento dell’AVS ha un duplice effetto positivo. Innanzitutto aiuta a prevenire la povertà in età avanzata. Non è né dignitoso né economicamente sensato spingere gli anziani verso l’assistenza sociale. E in secondo luogo accresce il potere d’acquisto e lo sviluppo economico perché quasi ogni franco che le pensionate e i pensionati ricevono viene nuovamente speso.

Rafforzare l’AVS significa rafforzare la solidarietà

L’AVS è il pilastro più solidale della nostra previdenza per la vecchiaia. Tutti pagano contributi uguali (il 4,35% del reddito) ma le rendite hanno un tetto massimo. I più ricchi pagano quindi più di quanto ricevono alla pensione. La grande maggioranza delle persone riceve dall’AVS più di quanto ha versato. È proprio perché si basa sul principio della solidarietà che l’AVS è così stabile. Continuiamo a rafforzare la nostra assicurazione sociale più importante con una 13esima mensilità AVS!