CNM dell’Edilizia 2022

Edili in cantiere

Nel 2022 il Contratto nazionale mantello per l’edilizia principale (CNM) giunge a scadenza. Le parti, lavoratori edili e sindacati da un lato e la Società degli impresari costruttori dall’altro, devono rinegoziarlo.

L’edilizia va a gonfie vele, nonostante il coronavirus. Ed è merito del lavoro degli edili. Eppure la pressione esercitata sui lavoratori edili cresce. Lavoro straordinario e lunghi tempi di viaggio sono all’ordine del giorno, gli infortuni gravi aumentano. Gli edili meritano una maggiore protezione. Per il CNM 2022 sono necessarie  migliori condizioni di lavoro!

I lavoratori edili hanno legittime richieste

Indennità per il lavoro straordinario
In futuro tutte le ore supplementari dovranno essere retribuite con un supplemento del 25 % e il loro numero totale deve essere ridotto.


Pause retribuite
C’è bisogno di una pausa retribuita.

Tempo di viaggio interamente retribuito
Il tempo di viaggio dev’essere retribuito sin dall’inizio e se dura più di 1 ora e 30 occorre ridurre l’orario di lavoro.

8 ore sono sufficienti
Le giornate di lavoro nell’edilizia sono lunghe e faticose, specialmente d’estate. Devono essere autorizzate al massimo 8 ore lavorative al giorno.

Regole chiare in caso di intemperie e canicola
Occorrono criteri chiari per l’interruzione del lavoro in caso di condizioni meteorologiche pericolose, come intemperie o canicola.

Al massimo il 10% di lavoro interinale
A tutela dei lavoratori interinali e per ridurre la pressione sui lavoratori fissi, il lavoro temporaneo deve essere limitato e il diritto all’assunzione a tempo indeterminato garantito dopo un certo periodo!

Maggiori controlli
Urgono maggiori e migliori controlli dei salari, delle condizioni di lavoro e della tutela della salute.

Indennità per il pranzo sempre
Non è realistico pensare che un lavoratore edile rientri a casa per pranzo. L’indennità per il pranzo va versata in ogni caso.

Lavoro di sabato solo con autorizzazione
I fine settimana appartengono a noi! Lavorare di sabato dev’essere possibile solo con l’autorizzazione.


Maggiore protezione per i lavoratori edili più anziani
I lavoratori che hanno dedicato la propria vita all’edilizia meritano una migliore protezione contro i licenziamenti.

Una settimana di vacanza in più
Per compensare la crescente pressione cui sono esposti i lavoratori edili, servono sei settimane di vacanza per tutti fino ai 50 anni e sette settimane oltre i 50 anni.

Dipende da noi!

Votazione sulle rivendicazioni per il CNM 2022  

Rinegoziando il CNM abbiamo l’opportunità di affrontare i problemi e ottenere dei miglioramenti. Ma ai lavoratori edili niente è regalato. Solo insieme possiamo cambiare le cose! Ecco perché ti chiediamo:

Quali tre rivendicazioni ti stanno più a cuore?

 

Ulteriori informazioni

Pressione dei tempi di consegna

I ritmi serrati pregiudicano la salute e la sicurezza sul lavoro!

Ulteriori informazioni