Giardinaggio

Un uomo posa delle lastre di pietra

Per un giardinaggio proiettato verso il futuro!

Quella del giardiniere è una bellissima professione. Ma è anche sinonimo di salari bassi, lunghe giornate di lavoro e poche vacanze. Forte delle sue migliaia di iscritti, Unia è il principale rappresentante dei lavoratori dell’orticoltura. Insieme alle giardiniere e ai giardinieri, Unia vuole migliorare le condizioni di lavoro del ramo. Le rivendicazioni principali sono:
    
salari equi, cinque settimane di vacanza e la possibilità di beneficiare del pensionamento anticipato.

Un lavoro faticoso merita salari equi

Le giardiniere e i giardinieri hanno profonde conoscenze professionali e lavorano duramente tanto quanto i lavoratori edili ma per un salario molto inferiore. Nell’edilizia, il salario minimo più basso si attesta a 4413 franchi, mentre nel contratto non vincolante concluso con Jardin-Suisse sono previsti solo 3800 franchi. Per questa ragione, Unia si batte da anni per un aumento dei salari nel giardinaggio. E gli sforzi intrapresi hanno dato buoni frutti! Negli scorsi cinque anni, grazie all’impegno delle giardiniere e dei giardinieri di Unia, i salari hanno registrato un aumento fino al 20%.

Cinque settimane di vacanza come quasi tutti gli artigiani

Contrariamente a quasi tutte le altre professioni artigianali, nell’orticoltura sono previste solo quattro settimane di vacanza. Eppure, giorno per giorno, le giardiniere e i giardinieri fanno un lavoro eccellente. Ecco perché sono necessarie almeno cinque settimane di vacanza – e sei per chi ha superato i 50 anni. Solo così possiamo rimanere in salute, e con noi anche il nostro ramo professionale!

Pensionamento anticipato: andare in pensione dignitosamente

Il giardinaggio e la manutenzione dei giardini richiedono fondate conoscenze professionali ma anche un duro lavoro! Le giardiniere e i giardinieri meritano un pensionamento anticipato dignitoso. Solo in questo modo i professionisti esperti saranno disposti a rimanere nel ramo professionale!

Battiamoci attivamente per i nostri diritti - insieme!

Creare un ramo professionale forte, che offra condizioni di lavoro eque e buoni salari non è impossibile! Lo stanno a dimostrare i contratti collettivi di lavoro (CCL) conclusi da Unia nella Svizzera romanda. Ma questi successi li otteniamo solo insieme! Se ci battiamo fianco a fianco e ci impegniamo attivamente, possiamo raggiungere i nostri obiettivi. È quanto hanno dimostrato più volte le giardiniere e i giardinieri attivi di Unia.

Nella sua veste di maggiore sindacato del ramo professionale, Unia si batte insieme alle giardiniere e ai giardinieri per un contratto collettivo di lavoro forte che garantisca condizioni di lavoro eque. Ma per ottenerlo abbiamo bisogno anche di te! Più persone aderiscono a Unia, maggiori risultati potremo raggiungere!

In qualità di iscritto del ramo dell’orticoltura non benefici solo della protezione giuridica e di un sostegno per il perfezionamento, ma hai anche l’opportunità di metterti in contatto con altri giardinieri e quindi di cambiare in modo attivo e duraturo il tuo ramo professionale!