Industria dei prodotti in calcestruzzo

Tubi di cemento impilati uno sopra l'altro

L'industria del calcestruzzo in Svizzera è sotto pressione da anni. E questo nonostante il buon andamento del settore delle costruzioni. La concorrenza nazionale e internazionale è agguerrita. Ancora più importante è quindi un buon Contratto collettivo di lavoro (CCL), che assicuri una concorrenza leale tra le aziende. Questo è l'unico modo per garantire condizioni di lavoro eque nel ramo.

Circa 2000 persone sono impiegate in tutta la Svizzera nella produzione di manufatti in calcestruzzo. Questi lavoratori sono soggetti al Contratto collettivo di lavoro per l'industria dei prodotti in calcestruzzo.

Buone condizioni di lavoro in un ambiente difficile

La situazione nell'industria dei beni di calcestruzzo è la seguente: nonostante l’elevato numero di vendite, i margini di profitto sono diminuiti negli ultimi anni a causa della concorrenza a basso costo proveniente dall'estero. Di conseguenza, i prezzi della produzione svizzera sono sotto pressione.

Tuttavia, il sindacato Unia è riuscito a migliorare costantemente le condizioni di lavoro. Anche questo è urgentemente necessario: nonostante qualifiche comparabili, i salari minimi, ad esempio, sono a volte notevolmente inferiori a quelli del settore edile.