Tecnica della costruzione

Quasi 22'000 professionisti e professioniste lavorano nella tecnica della costruzione. Il primo Contratto collettivo di lavoro (CCL) nella tecnica della costruzione risale al 1912. In trattative spesso dure con le associazioni padronali, ad ogni rinnovo contrattuale, i sindacati hanno ottenuto salari e condizioni di lavoro migliori. L’attuale CCL scade alla fine del 2022.

Le lavoratrici e i lavoratori della tecnica della costruzione lavorano come installatori/trici di impianti sanitari, di riscaldamento o di ventilazione. Costruiscono condizionatori e impianti di ventilazione o posano tubature o condotte per impianti fotovoltaici e fanno in modo che appartamenti, case e altri edifici offrano ambienti confortevoli e accoglienti.

Professioni dalle molte sfaccettature

In Svizzera, quasi 22'000 professionisti e professioniste sono impiegati in 3500 aziende (stato 2019) della tecnica della costruzione: nelle officine e nei magazzini del ramo della tecnica della costruzione lavorano addetti al montaggio, compresi i capi squadra e i capi montatori, lattonieri, installatori di riscaldamenti e di impianti sanitari nonché costruttori di impianti di ventilazione. Le attività professionali comprendono lattoneria, installazione di impianti sanitari (tubazioni e condotte d’opera incluse), riscaldamento, climatizzazione, ventilazione e installazione di impianti fotovoltaici.

Conoscenze specifiche per il clima

Grazie ai tecnici della costruzione, dal rubinetto esce acqua potabile e nelle case il clima è gradevole. Il riscaldamento funziona in modo affidabile e l’aria condizionata fa il suo dovere anche quando fa molto caldo. Provvedono anche affinché l’acqua piovana scorra dal tetto alla canalizzazione e non in salotto, che nelle proprie case le persone siano protette dai fulmini o che l’energia prodotta dagli impianti solari si trasformi in elettricità e calore.

Per raggiungere i suoi obiettivi climatici, la Svizzera si affida alla competenza, alle conoscenze e al preciso lavoro del personale impiegato nella tecnica della costruzione, ad esempio per il risanamento energetico degli edifici.

I vantaggi del CCL

Il CCL prevede condizioni di lavoro migliori della legge. Il CCL nel ramo svizzero della tecnica della costruzione trova applicazione in tutta la Svizzera, ad eccezione di tre cantoni. I cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese hanno i loro propri CCL.

Su richiesta dei sindacati Unia e Syna nonché dell’associazione padronale suisstec, il Consiglio federale ha conferito l’obbligatorietà generale al CCL Tecnica della costruzione. Ciò significa che i diritti e i doveri previsti dal CCL si applicano a tutti i lavoratori e tutti i datori di lavoro delle imprese di installazione, riparazione e servizio che operano nella tecnica della costruzione.

Il CCL garantisce migliori condizioni di lavoro

  Legislazione svizzera CCL tecnica della costruzione
Salario Individuale, nessun salario minimo legale, ad eccezione dei Cantoni Giura, Neuchâtel e Ginevra. Salari minimi garantiti con categorie salariali in base alla tua formazione e ai tuoi anni di esperienza.
Tredicesima mensilità No Sì: 100%
Orario di lavoro settimanale 50 ore 40 ore
Vacanze  
  • 25 giorni fino al 20° anno
  • 20 giorni dal 21° anno
 
 
  • 27 giorni fino ai 20 anni compiuti
  • 25 giorni dai 21 ai 49 anni
  • 27 giorni dai 50 ai 54 anni
  • 28 giorni dai 55 ai 60 anni
  • 30 giorni dai 61 ai 65 anni
 
Giorni festivi 1 giorno retribuito (1° agosto) 9 giorni (compreso il 1° agosto)
Assenze retribuite    
  • 1 giorno in caso di reclutamento, riforma militare, giornata d’informazione
  • 1 giorno all’anno in caso di trasloco
  • da 1 a 3 giorni in caso di decesso in famiglia
  • da 1 a 3 giorni per la cura di familiari malati
  • 2 giorni in caso di matrimonio
  • 1 giorno in caso di matrimonio di un figlio
 
Congedo di maternità 14 settimane 16 settimane
Congedo di paternità 10 giorni alla nascita con l’80% del salario 10 giorni alla nascita con il 100% del salario
Perfezionamento Solo non retribuito 5 giorni lavorativi retribuiti all’anno
Supplementi  
  • 0% il sabato
  • 50% la domenica
  • 25% la notte
 
 
  • 25% per il lavoro straordinario normale
  • 25% per il lavoro serale dalle 20.00 alle 23.00 (purché il dipendente abbia lavorato più di 8 ore durante il giorno)
  • 50% per il lavoro notturno dalle 23.00 alle 06.00
  • 100% per il lavoro domenicale e nei giorni festivi
 
Indennità per il pranzo Nessuna indicazione 15 CHF per il pranzo in caso di lavoro fuori sede
Salario in caso di malattia 100% da 3 a massimo 46 settimane 80% compresa la tredicesima mensilità dal 1° giorno
In caso di infortunio, 80% dal giorno dell’infortunio
Termini di preavviso  
  • 7 giorni durante il periodo di prova (da 1 a 3 mesi)
  • 1 mese nel 1° anno di servizio
  • 2 mesi dal 2° al 9° anno di servizio
  • 3 mesi dal 10° anno di servizio
 
 
  • 7 giorni durante il periodo di prova (da 1 a 3 mesi)
  • 1 mese nel 1° anno di servizio
  • 2 mesi dal 2° al 9° anno di servizio
  • 3 mesi dal 10° anno di servizio
  • divieto di disdetta in caso d'incapacità lavorativa al 100% dovuta a malattia/infortunio
 
Contributo professionale   25.- CHF/mese (apprendisti esclusi), l’importo può variare a seconda del cantone. Gli iscritti di Unia possono chiedere il rimborso di questo importo.

I tuoi diritti

Troverai maggiori informazioni nel volantino «I tuoi diritti a colpo d’occhio» (PDF)

Partecipa al nostro sondaggio sulle condizioni di lavoro nella tecnica della costruzione.

Unia conta su di te e tu puoi contare su Unia

La forza di un sindacato è nei suoi iscritti. Solo insieme possiamo ottenere dei miglioramenti.

  • Condizioni di lavoro migliori: se le lavoratrici e i lavoratori non faranno fronte comune all’interno delle aziende e dei gruppi professionali, avranno poche possibilità di far sentire le loro rivendicazioni ai datori di lavoro.
  • Contro le violazioni dei nostri diritti: è importante unire le forze e, in occasione di azioni, assemblee e manifestazioni, attirare l’attenzione sulle nostre rivendicazioni. In questo modo correggiamo ciò che non va e otteniamo importanti miglioramenti.
  • Un’equa distribuzione del reddito: i datori di lavoro hanno interessi diversi da quelli dei lavoratori. L’obiettivo dei datori di lavoro è massimizzare il loro reddito, generato dal tuo lavoro. Vogliamo un’equa distribuzione del reddito tra datori di lavoro e lavoratori.
  • L’impegno sindacale è un tuo diritto: il diritto di organizzarsi sindacalmente e quindi il diritto allo sciopero è sancito nella Costituzione federale. Così come i datori di lavoro si uniscono in associazioni padronali, anche i lavoratori hanno il diritto di organizzarsi collettivamente e difendere i loro interessi. Il tuo datore di lavoro non può licenziarti perché aderisci a un sindacato.

Un’adesione conviene

Se aderisci a Unia hai molti altri vantaggi, ad esempio corsi di perfezionamento, protezione giuridica, il rimborso dei contributi professionali e molto più.

Aderisci a Unia

Le nostre coordinate

Hai domande, ad esempio sulle tue condizioni di lavoro o sulle assicurazioni sociali? Vorresti parlare della situazione nella tua azienda e cercare insieme delle soluzioni per migliorarla? Contatta il segretariato Unia della tua regione.

Link