Attualità

28.10.2019

I lavoratori romandi impegnati nelle finiture hanno protestato con successo il 25 ottobre, facendo pause prolungate. Approfondisci

25.10.2019

Le parti sociali hanno negoziato con Coop un aumento della massa salariale pari all’1%. Di questo aumento beneficiano almeno 2/3 del personale: un quarto dell’aumento è riservato in particolare alle collaboratrici e ai collaboratori di lunga data. È solo a questa condizione che gli associati di Unia… Approfondisci

16.10.2019

La domanda di manodopera nelle abitazioni private aumenta. Molte/i migranti provenienti da paesi con livelli salariali molto bassi si occupano di economia domestica. È quindi particolarmente importante proteggere i salari in questo settore. Le misure adottate dal Consiglio federale sono… Approfondisci

08.10.2019

Con un’azione dimostrativa originale e di sicuro effetto, organizzata davanti ad alcune filiali Migros, Unia ha voluto esercitare pressione sul gigante arancione per ottenere aumenti salariali generali del 2%. La risposta di Migros è però insoddisfacente. Approfondisci

13.09.2019

A fine agosto, sette lavoratrici e un lavoratore di Zurigo, attivi nel ramo delle pulizie, hanno incrociato le braccia per denunciare le pessime condizioni in cui sono costretti a operare. Questo sciopero è stato il frutto di un percorso sindacale complesso che, secondo Marudit Tagliaferri (Unia… Approfondisci

12.09.2019

Dopo il via libera dei sindacati, oggi anche l'associazione padronale ha ratificato la nuova CCL 2020-2023 del ramo elettrico. Approfondisci

30.08.2019

Il successo del Locarno Film Festival non sarebbe possibile grazie all’enorme impegno delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati per la sua realizzazione. Il numero di persone e di professioni coinvolte è davvero impressionante: ci sono i lavoratori assunti dal festival, quelli pagati dagli… Approfondisci

14.06.2019

La Svizzera non si ferma. La Svizzera è in fermento! Da Le Locle e Le Sentier a Wangen e Winterthur passando per Ginevra e Grenchen, a mezzogiorno moltissime donne hanno già lanciato un messaggio forte e chiaro: «Vogliamo di più. Meritiamo di più. Più rispetto - più salario - più tempo». Approfondisci

11.06.2019

Nel 2018, la forbice salariale rimane molto ampia: 1:134. Lo scarto maggiore si registra presso UBS, dove il leader incontestato dei compensi esorbitanti, Sergio Ermotti, con un salario lordo di 13,9 milioni di franchi, guadagna 267 volte di più della sua collaboratrice con il salario più basso. Approfondisci

05.06.2019

L’iniziativa «Per un congedo di paternità ragionevole» sarà sottoposta al voto nei prossimi mesi. Approfondisci