Edilizia principale

Settore edile in espansione

L’edilizia va a gonfie vele. Non si è mai costruito tanto. E nei cantieri il sindacato è particolarmente forte. Insieme ai lavoratori edili, Unia si batte per ottenere migliori condizioni di lavoro. Nel corso degli anni ha consolidato il Contratto nazionale mantello (CNM) e ottenuto il pensionamento flessibile. Eppure resta ancora molto da fare.

Il Contratto nazionale mantello deve essere rinegoziato

Il Contratto nazionale mantello (CNM) disciplina i salari e le condizioni di lavoro dell’edilizia e giunge a scadenza alla fine del 2018. Dobbiamo quindi rinegoziare il contratto con la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC). I lavoratori edili hanno rivendicazioni giustificate.

Il duro lavoro va ricompensato!

Le nostre rivendicazioni:

  • È tempo di accordare un aumento decente!
  • Chiediamo regole chiare per mettere fine al caos che regna nell’edilizia!
  • Vogliamo più protezione per i lavoratori edili esperti!

Campagna CNM per l’edilizia 2018

Gli impresari costruttori vogliono abbassare i salari dei lavoratori più anziani, imporre orari di lavoro più lunghi e innalzare l’età di pensionamento. I lavoratori edili si difenderanno da questo attacco alle loro condizioni di lavoro.